Un libro che assolutamente non può mancare nella nostra libreria di comunicatori sempre aggiornati è sicuramente “Rivoluzione 2.0“, di Wael Ghonim, blogger egiziano curatore della pagina “Siamo tutti Khaled Said”, che ha coordinato la protesta del 2011. E non soltanto perchè i proventi della vendita saranno devoluti ad un Ong per incrementare gli standard di educazione in Egitto…

images (1)Si tratta di una testimonianza illuminante, raccontata da uno dei protagonisti di quei giorni, un egiziano con il sogno di lavorare per una delle più grandi multinazionali al mondo, Google, che inaspettatamente, un giorno, si è sentito chiamato in causa dall’ennesima barbarie compiuta ad opera della Polizia Segreta ai danni di un giovane come lui, ed entra nel giro dell’attivismo politico attraverso Facebook e la grande rete Internet. Cosa è successo durante quei mesi? Come si sono mossi gli egiziani per organizzare una protesta non violenta sotto un regime autoritario? Quanto è stato fondamentale l’utilizzo dei Social per far sapere ai pochi dissidenti sparsi nella nazione che in realtà non erano i soli a sognare la libertà? Libertà… una parola che per noi occidentali ha perso un pò di significato, ma che adesso sta prepotentemente tornando alla ribalta. Coloro che da sempre sono stati in silenzio, che hanno sopportato, che la diffusione della televisione aveva trasformato in massa, si stanno risvegliando. E non solo in Africa del Nord. Il popolo non è più disposto a stare zitto. E’ disposto a riprendersi quel potere di governare su sè stesso che alcuni governi gli hanno tolto, è pronto a prendere le redini della sua società e a farle cambiare direzione… in meglio!

“Buongiorno, Egitto! Mi sei mancato negli ultimi trent’anni.”

Chi sono i veri protagonisti delle Rivoluzioni Arabe? “Non sono io l’eroe: voi siete gli eroi!” grida Wael alla folla di manifestanti in piazza Tahrir. Questo è il suo racconto, è la sua parte di storia, di come ha deciso di dire basta e, creando una pagina su un Social Network, come se ne creano ogni giorno, con un semplice click, ha dato vita, quasi senza volerlo, a un movimento che è andato man mano crescendo e ancora oggi non si è del tutto arrestato.
Un libro piacevole da leggere, interessante perchè ci mostra dall’interno cos’è accaduto, e che apre la mente a tante riflessioni, a tanti spunti, per guardare il nostro mondo che sembra cambiare così velocemente con un pò di speranza in più. E trascinare, non essere più trascinati!

“Tutti possiamo protestare contro corruzione e oppressione.
Tutti possiamo sognare la libertà.
Tutti possiamo cambiare il mondo.”

Annunci

Informazioni su Alba Chiara

I'm Alba Chiara Di Bari, a 22-year-old Italian studying a Master in Strategic Public Relations in Sweden. Love: Italian espresso, my celtic harp, my pentacle, metal/rock/folk music, my mobile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...